Stratagemmi legali dal Web per pagare meno tasse


Se sei un Imprenditore o un Libero professionista con Partita IVA,

la tua attenzione costante sarà sicuramente rivolta non solo ai ricavi derivanti dalla tua attività, ma anche a tutti quei costi che affronti durante l’anno, utili per potere diminuire la pressione fiscale e perciò risparmiare sulle tasse che paghi malvolentieri!

Cosa c’è da sapere dunque?

È importante sapere che sotto il profilo fiscale, le spese per la realizzazione di un sito web sono deducibili al pari delle spese affrontate per la pubblicità aziendale o per l’acquisto di beni strumentali per l’azienda.

Vediamo le differenti categorie di siti web.

Innanzitutto, possiamo distinguere tra il semplice sito vetrina con finalità pubblicitarie o di rappresentanza, dal sito che di fatto è uno strumento di lavoro per l’azienda.

  • Sito vetrina. È un sito web meramente informativo, avente il fine esclusivo di descrivere le attività commerciali dell’azienda, illustrare l’attività svolta, i prodotti e/o servizi offerti, nonché i recapiti per raggiungerla fisicamente. Non vi sono aree che si aggiornano di frequente o sezioni di notizie o informazione, ma semplicemente di un biglietto da visita dell’azienda o del professionista.
  • Sito pubblicitario. E’ un sito web dinamico volto a promuovere la brand identity dell’azienda, con presentazione di un catalogo di beni e servizi che l’azienda offre, acquistabili solo tramite il recapito fisso dell’azienda, quindi non online. L’obiettivo del sito è quello promuovere l’azienda o i contenuti che intende offrire rispetto alla vendita diretta del prodotto.
  • Sito e-commerce. E’ un sito web più complesso, poiché consente la gestione di diversi aspetti strategici, tecnici e logistici, come l’acquisto di beni e servizi online, il caricamento dei prodotti, la gestione ricavi. La sua finalità è di sviluppare l’attività commerciale dell’azienda.

pagare_meno_tasse Stratagemmi legali dal Web per pagare meno tasse

Sulla base di queste caratteristiche, ora entriamo nello specifico delle quote di ammortamento.

Nel caso in cui il sito web si limiti ad illustrare l’azienda o i suoi prodotti e servizi (siamo nelle fattispecie dei siti vetrina e pubblicitari), le spese sostenute potranno essere trattate come spese di pubblicità e quindi deducibili nell’esercizio in cui sono state sostenute. Le spese di pubblicità infatti sono per definizione quelle spese sostenute per diffondere il nome e l’immagine dei prodotti dell’azienda e quindi incrementare le vendite.

Vista invece la complessità tecnica dell’e-commerce rispetto al semplice sito web, la legge lo assimila ad un software gestionale aziendale. Ciò significa che è possibile non solo ammortizzarne il costo, ma che lo stesso è deducibile fino al 50% del costo stesso purché ovviamente il bene stesso partecipi al processo produttivo in modo duraturo.

Nelle spese per il Sito Web e l’E-commerce, ci sono anche i costi di gestione periodici.

Un discorso a parte infatti deve essere fatto per i costi legati ai Server, al Dominio e alla Manutenzione del sito internet. Cosa sono?

  • Assistenza e manutenzione del sito web. Sono i costi legati alla manutenzione e gestione del sito internet, in particolare al server e all’hosting e le varie consulenze legate a questi aspetti. Sono da considerare costi operativi ricorrenti, deducibili integralmente nell’esercizio in corso.
  • Nome a dominio. È il costo annuale legato al dominio internet del sito web, ed è obbligatorio se si vuole mantenere online il proprio sito. Quindi tale costo non si esaurisce nello stesso esercizio in cui sono stati sostenuti, ma è un onero pluriennale che va ammortizzato esattamente come le licenze dei software.
  • Redazione e preparazione dei contenuti. Sono costi legati ai contenuti pubblicati sul sito web. I relativi costi devono essere iscritti in conto economico e spesati nell’esercizio, in quanto la vita dei contenuti genericamente è molto breve.

digitalizzazione Stratagemmi legali dal Web per pagare meno tasse

Nell’era della digitalizzazione, devi possedere un sito web o un e-commerce se vuoi aumentare il fatturato e far crescere la tua azienda!

Rappresentano un’opportunità per poter ampliare la tua attività, tessere una rete di conoscenze e di rapporti, che se adeguatamente sfruttate possono trasformarsi in utili e alti profitti! In più è un modo legale per pagare meno tasse e investire nella tua azienda!

Attenzione però, la progettazione e la realizzazione di un sito web o e-commerce, necessitano di conoscenze specifiche, in termini di linguaggio informatico, piattaforme web,  grafica, posizionamento, marketing, seo, automatismi, ecc. che soltanto esperti del settore possono offrirti al meglio.

Se prima non eri a conoscenza di questa normativa fiscale, ora sai che conviene investire nella digitalizzazione della tua azienda, dedurne i costi sostenuti e PAGARE MENO TASSE!

Sono sempre con te per la crescita e lo sviluppo della tua attività!

 

“Credo che dovremmo tutti pagare le nostre tasse con un sorriso. Io ci ho provato, ma hanno voluto dei contanti!”

 

Stratagemmi legali dal Web per pagare meno tasse ultima modifica: 2018-10-18T15:01:21+00:00 da Giosuè Villano